Home » Le anteprime mese per mese » Analisi: Mega di maggio 2013 – RW

Analisi: Mega di maggio 2013 – RW

Bene bene bene. Abbiamo già dato un’occhiata al numero di Anteprima di questo mese e ci siamo spaventati abbastanza all’idea di dover aprire un mutuo, forse è dunque un bene che Mega, in netta controtendenza, non ci dia così tante novità, altrimenti questo giro bisognava vendere un rene per stare dietro alla marea di pubblicazioni imperdibili annunciate per i mesi di giugno/luglio (quasi tutte in formati molto costosi, per giunta). RW Lion questo giro rimane sul sicuro e, eccezion fatta per un paio di ristampe piccine picciò, non si spinge oltre alle usuali serie regolari. E visto che, in virtù di questo, ho poco da dire, parlerò un po’ del più e del meno così per passare il tempo.

Raffaele de Fazio ci propone un articolo a pagina intera sul progetto New 52, facendo anche i dovuti paragoni con Marvel Now!, ed è bello vedere finalmente che qualcuno la pensa come me. In soldoni dice che il reboot DC poteva essere gestito meglio ma non sono mancate piacevoli sorprese (punto sul quale sono completamente d’accordo) e, parlando della Marvel che prima schernisce la concorrenza e poi fa uguale scrive: “Quando la Disney ci ha comprato ci ha detto: “bravi, voi fate una vagonata di soldi con i fumetti, continuate così” quindi seguiamo l’esempio di Batman e Lanterna Verde, facciamo finta di di partecipare a questo reboot e continuiamo esattamente dai numeri precedenti, magari non se ne accorge nessuno e guadagniamo un sacco di nuovi lettori”. Perché questo è esattamente quello che è successo, grazie Raffaele per essere pressoché l’unico ad avere il coraggio di dirlo. Altro che MML “questo non è un reboot, è un rilancio! Finalmente i nuovi lettori potranno fare, leggere, brigare…” I nuovi lettori, se sapessero come funziona esattamente Marvel Now, e cioè che la continuity non è stata minimamente intaccata dal reboot, non sarebbero nuovi lettori, non sarebbero lettori affatto. Per uno che per la prima volta si affaccia ad un universo narrativo il fatto che le varie testate si siano scambiate i team creativi non cambia un accidenti di niente, cambia invece se il numero uno stampato in copertina è vero o falso. Vabbè, sto divagando.

Troviamo poi una pagina sui Nanoda Awards di cui vorrei parlare con calma in un articolo apposito, vi annincio soltanto che sono molto, ma molto contrariato. E poi via, si passa alle novità.

Copertina di Superman 16, di Kenneth Rocafort

Sembra essere ormai una certezza che Kenneth Rocafort, il bravissimo disegnatore di Cappuccio Rosso e i Fuorilegge (che attualmente seguo più per i suoi disegni che per la storia, che non è comunque male), abbia lasciato la testata di Jason Todd per passare a Superman, il che significa una sola cosa: da adesso bisognerà seguire anche le avventure dell’Uomo d’Acciaio. Seriamente, disegna in modo sopraffino e bisogna sostenere questi talenti nascenti.

Continua poi la serie di ristampe legate al mondo di Lanterna Verde, che da quando lo scrive Geoff Johns è un vero capolavoro: all’allarmante cifra di 64 euro sarà disponibile il primo di due cofanetti contenente i primi 14 numeri della serie classica (quella post Lanterna Verde Rinascita annunciato il mese scorso) originariamente pubblicati da Planeta. Sono un sacco di soldi, è vero, ma credetemi: è davvero una bella serie, con un continuity tutta sua molto coerente e affascinante. Non posso che consigliarla a chiunque voglia avvicinarsi a questo mondo spettacolare, anche se forse alla RW dovrebbero rivedere un pochino i costi di queste operazioni molto interessanti ma alla portata di un gruppo molto di ristretto di persone.

Si continua con le testate regolari che ben conosciamo fino ad arrivare alla sezione Goen che ci propone due novità, una di sicuro interesse l’altra un po’ meno. Quella interessante è di certo Submarine Super 99, una delle prime opere di Leiji Matsumoto che in seguito diventerà famoso con Capitan Harlock e affini. Da prendere ad occhi chiusi, spero solo che questa notizia faccia da preludio a una ristampa su larga scala di tutte le serie del sensei, che attualmente sono frammentate tra case editrici morte o morenti risultando infinitamente costose e difficili da recuperare. La novità meno interessante, quella su cui personalmente ho un sacco di dubbi, è Battle Royale Angel’s Border, da mettere nella categoria “cose che sfruttano il successo di Hunger Games“. Ormai sarete tutti a conoscenza del mio astio verso questo libro-film che ci sta obbligando ogni mese a vedere pubblicato almeno un albo survival, generalmente dalla qualità scandalosamente bassa. Questo spin-off in due volumi di Battle Royale dovrebbe narrare le vicende delle 6 ragazze che, nella serie originale, si rifugiavano nel faro prima di fare la fine orribile che la maggior parte dei personaggi di opere survival fa prima o poi. Il mio dubbio più grande è sulla durata: due volumi sono troppo pochi per un manga di questo genere, difficilmente si fa a tempo ad apprezzare la psicologia e l’evoluzione dei personaggi, punti cardine in questo genere di storie che altrimenti non sono niente di più che uno spara-spara-spara-ammazza-ammazza-ammazza. Non credo aggiungerà niente alla sopraffina opera originale, ma magari risulterà leggibile. Chissà.

Ecco, fine delle novità e fine della chiacchierata per lo più a vanvera. Ci vediamo il mese prossimo con una nuova tornata di anteprime RW, sperando che ci sia qualcosa in più da dire.

Annunci

One thought on “Analisi: Mega di maggio 2013 – RW

  1. Pingback: Riflessioni col guanto da forno | dailybaloon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...