Ken, il guerriero con il guanto da forno

Prendete Anteprima di Marzo. Fatto?

Apritela a pagina 22. Fatto?

Continua a leggere

Annunci

Analisi: Anteprima di giugno 2013 – Altri editori

Come forse alcuni di voi avranno notato, il mese scorso ho saltato a piedi pari l’articolo riguardante le novità degli editori non-Panini e non-RW. Il motivo è molto semplice: l’assoluta assenza (con un’unica eccezione) di qualsiasi cosa che valesse la fatica di scriverci sopra due righe mi aveva fatto passare la voglia di mettermi d’impegno. Così, un giorno dopo l’altro, siamo arrivati a giugno con un nuovo numero di Mega e un nuovo numero di Anteprima, ma soprattutto con qualcosa di serio di cui parlare. Quindi iniziamo subito a dare un’occhiata alle novità, partendo da quell’unica eccezione che compariva nel Mega di maggio. Continua a leggere

Analisi: Mega di giugno 2013 – RW Lion

Continuiamo a sfogliare le riviste di questo mese passando a Mega, ma prima di immergerci nelle novità RW Lion e Goen diamo un’occhiata rapida ai vari editoriali (che ad essere onesti sono, e sono sempre stati, una spanna sopra a quelli di Anteprima). Continua a leggere

Analisi: Anteprima di giugno 2013 – Panini

“Festeggiamo 600 uscite de L’Uomo Ragno con l’edizione italiana di Amazing Spider-Man #700, 52 tavole con l’apice del lavoro di Dan Slott e Humberto Ramos.” La sezione Marvel di questo numero di Anteprima si apre con queste parole. L’apice del lavoro di Dan Slott e Humberto Ramos. Un totale di 8 diverse cover per celebrare… cosa? Bella domanda. Chi mi segue da più di qualche minuto ormai ben conosce la mia opinione sulla “questione Dan Slott”. Ricapitolando. Quello che Anteprima “celebra” con questo numero del ragno è la conclusione di un ciclo talmente brutto per il quale alcuni simpaticoni (che bisognerebbe trovare e ammanettare) hanno perfino minacciato di morte lo stesso Slott. Non si capisce bene se questa esuberanza di cover alternative sia per celebrare la presunta importanza del suddetto ciclo, o siano più semplicemente una festa perché è finito. Continua a leggere

Riflessioni col guanto da forno

Inauguriamo oggi una tipologia di articoli tutta nuova che ho pensato bene di intitolare “Riflessioni con il guanto da forno”. Avete mai notato quanto sia difficile sostenere una discussione seria indossando un guanto da forno? Se non vi è mai capitata questa sfortuna fidatevi, è praticamente impossibile: nessuno vi prenderà sul serio, tutti dubiteranno della vostra parola… Ed ecco spiegato, grossomodo, lo strambo titolo di questa categoria. D’ora in avanti, ogni volta che pubblicherò un articolo indossando il guanto da forno sarà per buttare giù due parole su un argomento senza stare a scrivere una vera e propria recensione, o un vero e proprio speciale, ma semplicemente delle riflessioni così, come mi vengono. Quello che dovete fare voi lettori, invece, è fare quello che fareste se steste parlando con uno che indossa realmente un guanto da forno: ascoltare quello che dice ma fino a un certo punto, credergli ma fino a un certo punto e magari sghignazzare ma anche questo fino a un certo punto. Mi scuso in anticipo se qualcuno di questi articoli si trasformerà in un’invettiva smodata su questo o quell’argomento, ma è la natura stessa di questa categoria: comincio a parlare e poi dove finisco finisco. Quindi bene, cominciamo. Continua a leggere

Storia dell’Universo Marvel parte 5: House of M

Riprendiamo il filo del discorso grossomodo da dove lo avevamo lasciato con Vendicatori Divisi. Ad agosto 2005 viene pubblicato, sempre ad opera dell’ormai immancabile Brian M. Bendis, quello che potremmo definire il naturale seguito di Vendicatori Divisi, nonché il più grande punto di svolta dell’Universo Marvel recente. Niente, da qui in poi, sarà davvero più lo stesso, e questa volta per davvero. Gli sconvolgimenti portati, soprattutto al mondo dei mutanti, da questo crossover sono così drastici e così drammatici che hanno influenzato tutta la continuity successiva fino a giungere ad AvX, sono il miglior punto di partenza per comprendere il “mondo mutante” moderno e, in definitiva, devono essere usati da chiave di lettura per comprendere tutti i successivi eventi legati agli X-Men. Cominciamo dunque a raccontare le vicende che hanno portato all’M-Day, il momento in cui i mutanti cessarono di esistere. Continua a leggere