Millar e le Storie Tese

La musica balcanica ci ha rotto i coglioni, è bella e tutto quanto ma alla lunga… rompe i coglioni […] Io non capisco perché tutti quanti continuano insistentemente a suonare questa musica di merda. Ma comunque… prima di cantare una canzone balcanosa, ricordati di fare una cosa: lanciare un’invettiva ai danni del capitalismo…

elio_36000

Così il grande Elio, gloria più passata che presente della musica demenziale italiana caduta notevolmente in basso nell’ultimo periodo, cercava di tirar su la propria immagine dopo le critiche riguardanti la sua partecipazione a un noto talent show di dubbio gusto e, soprattutto, dopo l’orrendo album Studentessi. E per quanto mi riguarda tra la spettacolare Complesso del Primo Maggio citata sopra e l’ancor più pirotecnica Canzone Mononota che gli è quasi valsa un Sanremo c’è riuscito egregiamente. Ma non è di questo che volevo parlare: dato che non siete capitati in un blog di musica leggera vi starete chiedendo cos’abbia a che fare tutto ciò con i fumetti. E, se avete buttato un occhio al titolo dell’articolo, magari vi starete chiedendo cos’abbia a che fare nello specifico con il celeberrimo Mark Millar. Quindi vediamo di riarrangiare le parole di cui sopra per adattarle al buon Millar. Continua a leggere

Annunci

Top15 delle anteprime di novembre – Parte 2

Rieccoci a parlare delle novità di questo mese con le prime cinque posizioni della classifica. Come anticipato nello scorso articolo questo novembre sta risultando essere un mese piuttosto bizzarro e, in generale, abbastanza floscio. Non si vedono ancora le novità annunciate a Lucca e case editrici che ultimamente la facevano da padrone (Bao una su tutte) sembrano essersi date alla macchia. Ed è così che, questa volta, la top5 è pienamente popolata da titoli Panini Comics o RW, senza eccezioni. Cominciamo.

file_203061_0_constantine1658

Continua a leggere

Top15 delle anteprime di novembre

Salve a tutti e bentornati, in questa umida e uggiosa domenica di novembre, tra le righe di dailybaloon. Come di consueto la metà del mese significa soprattutto una cosa: che escono i nuovi numeri di Mega e Anteprima. Quindi eccoci qua, con l’ultimissima classifica delle novità. Si parte! Vi preannuncio che non è, questa volta, una classifica spumeggiante e anzi i carichi da novanta sono a dirla tutta ben pochi. Ma poco importa, le novità comunque ci sono e, se vi pare ci sia troppa poca carne al fuoco, considerate che a) Natale si avvicina e risparmiare un pochetto su fumetti a amenità varie si rivelerà una scelta saggia e b) con il ben di dio presentato gli ultimi mesi qualcosina da recuperare per i più golosi c’è di sicuro. Direi dunque bando alle ciance, e cominciamo.

manifesto-questione-di-stile-lcg2013

Purtroppo gli editoriali di questo mese, come ogni dannatissimo novembre, sono incredibilmente scarni e non vale nemmeno la pena di commentarli. Eccezion fatta per l’immancabile Raffaele De Fazio che riesce anche questo giro a strapparci un sorriso tutti, ma dico proprio tutti, stanno lì a lamentarsi della stessa maledettissima cosa, come ogni maledettissimo novembre. “Uffi, è difficile scrivere gli editoriali di questo mese… Lo devo scrivere prima di partire per Lucca ma voi lo starete leggendo dopo la fiera…” Eccheppalle. Righe e righe riempite di nulla. Saltiamo dunque gli usuali commenti e skippiamo direttamente alla posizione numero 15 della nostra meravigliosa (?) classifica. Continua a leggere

Marvel Now! Guardiani della Galassia

È giunto il momento. Ho cercato di posticiparlo in tutti i modi, ma non si può procrastinare all’infinito. L’inevitabile, alla fine, ti trova sempre. No. Non sto per fare l’articolo su Planet Hulk, mamma che sofferenza, al solo pensare di leggere un altro albo di quella porcheria mi sanguinano gli occhi. Parlo dei Guardiani della Galassia. Siamo giunti al numero 3, e ciò significa secondo le regole che mi ero dato, che è giunto il momento di parlarne. E ho tanta, tantissima paura.

Guardians of The Galaxy 0.1 cover Continua a leggere

The Walking Dead, un anno dopo

Cambiamo un po’ genere e parliamo, vagamente alla leggera, di qualcosa d’altro. È trascorso ormai un anno da quando The Walking Dead è comparso nelle fumetterie italiane. Boiata gigante perché anche in Italia il fumetto esce da molto più tempo. Per essere del tutto onesti è trascorso un anno da quando il suddetto fumetto è apparso nelle EDICOLE e, coincidenza delle coincidenze oppure no, è trascorso un anno da quando ho cominciato a seguirlo spinto più che dal mio gusto personale dal mostruoso, abnorme e vagamente preoccupante successo che l’opera non morta di Kirkmann stava riscuotendo. Insomma, non nego di essere rimasto piuttosto indietro rispetto ai puristi che si gettarono anni fa a capofitto e (forse) alla cieca su questa lettura, ma magari da qualche parte c’è qualcuno che ha come me approfittato della ristampa “economica” (o per meglio dire “rateizzata”) e che quindi è fermo ai primi dodici mesi di uscite. In ogni caso, è giunto il momento di buttare giù qualche pensiero a riguardo. Forse.

The-Walking-Dead-Comic-the-walking-dead-17116731-1024-768 Continua a leggere

Passato, Prossimo. Viaggi nel tempo. Storie d’amore.

Buonasera a tutti. Lo so, lo so… Mi sono fatto di nebbia e non ho scritto nulla per tipo una decina di giorni, e me ne scuso: tra impegni vari, il ponte, le lezioni et cetera multa non ce l’ho proprio fatta. Spero vi siate divertiti in questo lungo week end appena passato, week end carico di Lucca alla quale non sono, alla fine, nemmeno riuscito ad andare. Mannaggia. Ma bando ai convenevoli. Questo giro, fregandocene di manga e di Marvel Now e di tutte le cose lasciate in sospeso, parliamo di qualcosa di (completamente) diverso. Qualcosa di cui vi avevo promesso una recensione durante il report del Romics. Questo qualcosa è Passato, Prossimo, interessantissimo fumetto di Emanuele Rosso edito da Tunué.

passato prossimo1 Continua a leggere