Home » Le anteprime mese per mese » Top10 delle anteprime di luglio

Top10 delle anteprime di luglio

Salve a tutti e ben ritrovati, in questo luglio atipico, incerto e piovoso, sulla nostra rubrica mensile dedicata alle novità. Devo dire che dopo un giugno particolarmente anonimo, con poche novità interessanti e una classifica interamente dominata da Panini e RW, le cose si fanno finalmente interessanti: d’altro canto la maggior parte delle proposte di questo mese saranno in vendita a settembre, mese di ripresa dopo la pausa estiva che quest’anno si preannuncia molto ricco. Così ricco che, in effetti, le solite dieci posizioni si sono rivelate insufficienti a contenere tutto quanto avrebbe meritato una menzione… Quindi peccato per gli esclusi, bravi lo stesso, sarà per la prossima volta.

Prima di cominciare, però, vorrei richiamare l’attenzione su un piccolissimo trafiletto, quasi invisibile, comparso su Anteprima e che farà balzare sulla sedia più di qualcuno: Masakazu Katsura, talentuoso mangaka alle prese da tempo immemore con Zetman, ha deciso che disegnare fumetti non gli basta più. Quindi, per la gioia di tutti quelli che temono possa morire assieme al signor Miura prima di finire la serie, ha pensato bene di intraprendere anche la carriera d’attore in una nota serie televisiva. Giusto per allungare ancora i tempi di produzione del manga che pare non avviarsi ancora verso la conclusione. Molto bene.

“Ma certo che finisco Zetman. Aspetta solo un secondo”

10) Evangelion New Collection (Panini)

evangelion

Neon Genesis Evangelion è, senza dubbio, uno dei capisaldi dell’animazione giapponese. A suo tempo segnò una svolta decisiva nel mondo dei robottoni, mettendo la parola fine all’epoca precedente e dando nuovo slancio ad un genere bisognoso di nuovi orizzonti. Dopo una ventina d’anni sembra che finalmente anche il manga di Yoshiyuki Sadamoto, character desiner dell’anime, stia avvicinandosi alla conclusione e quindi in attesa degli ultimi albi della serie Panini ripropone l’epopea di Shinji e compagni da capo, in una nuova ristampa nell’usuale formato tankobon. Un must have che farà, o quantomeno dovrebbe fare, la gioia di chiunque se lo fosse lasciato scappare nel corso degli anni; un acquisto praticamente obbligato che si becca soltanto il decimo posto della classifica perché, parliamoci chiaro, con questa fanno tre edizioni contemporanee di un’opera non ancora terminata che è in corso da ormai troppo tempo.

9) Nowhere Men (Saldapress)

nowhere men

Negli ultimi tempi Image Comics sta diventando quello che è sempre voluta essere: un marchio editoriale che fosse portavoce di una certa corrente di pensiero e, soprattutto, che rappresentasse una garanzia di qualità. Entrambi questi aspetti trovano espressione nella frizzante varietà del parco titoli, attualmente il più variegato ed interessante del mondo delle major americane. E Nowhere Men non fa eccezione. Ambientato in un mondo in pieno boom scientifico, in cui ricercatori e scienziati lavorano per le grandi multinazionali e vengono visti come rock star dalla gente comune. Finché qualcosa, da qualche parte, va storto… Che dire. Le premesse ci sono e la formula del “creator owned”, che lascia agli autori i diritti delle proprie opere, funziona e riesce quasi sempre a mantenere il livello qualitativo. L’hype cresce. E poi… Una serie Saldapress senza zombie? E senza Kirkmann? Anche solo per questo Nowhere Man meritava di finire in classifica.

8) Il destino di Kakugo (Panini)

All’ottava posizione troviamo un’altra ristampa, questa volta di un’opera sicuramente molto meno conosciuta di Evangelion. Si tratta de Il destino di Kakugo, serie di metà anni novanta scritta e illustrata da Takayuki Yamaguchi, nome che ai più non dirà nulla.

Takayuki Yamaguchi è il disegnatore che accompagnò i testi di Norio Nanjo in quel bellissimo viaggio che fu Shigurui, manga che personalmente ho amato in primo luogo per via dell’incredibile perizia grafica con cui si presentava. La potenza espressiva del tratto dettagliatissimo e pulitissimo di Yamaguchi mi lasciarono senza parole, anche se in fondo in fondo capisco il motivo per cui questo stile spesso non venga apprezzato.

Il destino di Kakugo, originariamente pubblicato in Italia da Dynamic (che all’epoca si chiamava ancora così e aveva quel brutto logo tutto squadrato), è esaurito da tempo immemore ed è un gradito ritorno per chiunque, come me, sia rimasto ipnotizzato dal fascino dello stile di Yamaguchi e volesse scoprirne le origini.

7) DC Comics Story (RW Lion)

E dopo mille mila serie di “Grandi saghe Marvel” “Supereroi Marvel il Mito” e via dicendo anche i personaggi DC tornano finalmente in edicola con una collana antologica. Il primo volume, Kingdome Come, è un acquisto obbligato per chiunque non abbia l’edizione absolute appena ritornata disponibile. A sette euro e novanta non ci sono scuse che reggano per non comprare questo capolavoro. Le altre uscite, invece, ad essere onesto mi lasciano un po’ perplesso: con storie classiche che, per quanto importanti per la storia del fumetto, hanno certamente meno appeal per un neofita che poteva vedere in questa iniziativa un buon entry point nel mondo DC. Per carità, le bombe non mancano, come il volume quattro con la Justice League di Alex Ross e Paul Dini ma nel complesso l’iniziativa pur risultando parecchio interessante, anche per via del contenuto prezzo di copertina, non riesce a partire col botto come avrebbe dovuto. Vi lascio comunque il link alla checklist completa, così potete farvi i vostri conti.

6) Samurai Executioner (RW Goen)

Samurai_executioner

Quando si leggono i nomi di Kazuo Koike e Goseki Kojima… diciamo che la prima cosa che ci si aspetta non è un mangia “giovane”. Fumetti come Crying Freeman, come il criticatissimo White Haired Devil e, soprattutto, come Lone Wolf and Cub sono tutto fuorché letture giovani. Lone Wolf and Cub in  particolare, che tra quelli citati è l’unico in cui Koike e Kojima hanno lavorato assieme (gli altri sono solo di Koike), è uno dei pochi esponenti di un certo tipo di narrazione che siamo poco abituati a vedere in un manga: molto più vicina ad uno stile occidentale, quasi Bonelliano azzarderei.

samurai

RW ci propone, ad opera di questo duo consolidato, Samurai Executioner: la storia di Yamada Asaemon, incaricato di testare le spade dello Shogun per verificarne la qualità. Non ho dubbi sul valore di quest’opera dall’ambientazione storica e, in attesa di una ristampa di Lone Wolf, credo proprio che mi imbarcherò in questo viaggio. Con una riflessione però: RW scrive che questo manga si candida come uno dei titoli di maggior qualità del 2014, e in tutta onestà non stento a crederci. Tuttavia, a pensare che “uno dei migliori manga del 2014” è stato scritto nel 1972… qualche domanda bisognerebbe farsela.

5) La saga dei Bojeffries (Bao Publishing)

Una serie umoristica di Alan Moore. Non so bene cosa aspettarmi, ma allo sciamano una possibilità bisogna dargliela sempre. Certo è un volume piuttosto costoso, 96 pagine a 14 euro, ma alla Bao sanno il fatto loro e, sperabilmente, ne varrà comunque la pena.

4) Perkeros (Panini)

perkeros

Perkeros è il nome del gruppo metal finlandese protagonista di questo bizzarro racconto che sembra fatto di opposti. Il metallo pesante e lo stile cartoonesco, le atmosfere fantasy e il mondo reale, il diavolo e la band Hipster. Che dire, sembra davvero molto interessante: le tavole sanno il fatto loro e si respira l’aria giusta. Provo un po’ quella sensazione di curiosità e divertimento che provai quando per la prima volta vidi un trailer di Scott Pilgrim vs The World, ed è una sensazione che mi fa ben sperare. Vuoi che, dopo l’immane porcata che fu Detroit Metal City, finalmente riesca ad uscire un bel fumetto metallaro?

Il senso di questa tavola qualcuno me lo dovrà spiegare... Ma comunque quant'è figa?

Il senso di questa tavola qualcuno me lo dovrà spiegare… La figaggine comunque c’è.

3) Nausicaä – Watercolor Impressions (Panini)

nausicaa

Mamma la forza di questa tavola

Continua la pubblicazione dei meravigliosi artbook di Miyazaki. Stesso formato, stesso prezzo, stessa qualità, diverso soggetto. Ora tocca a Nausicaä della Valle del Vento, probabilmente il più evocativo tra i lavori “classici” del grande maestro; opera della quale abbiamo già potuto apprezzare la versione manga in una delle edizioni più iconiche ed indimenticabili di sempre. Possedere quell’edizione è quasi un imperativo morale. Ma torniamo agli artbook. Devo dire di essere rimasto particolarmente stupito dal livello qualitativo che Panini è riuscita ad infondere nei due precedenti libri di questa serie che si sono rivelati più che all’altezza delle mie aspettative. Non posso che essere contento, dunque, della direzione intrapresa con questa collana che si arricchisce ora d’un altro tassello, andando poco alla volta a definire una sorta di percorso, di viaggio, all’interno dell’arte di una delle più importanti ed influenti personalità dell’animazione giapponese.

2) Fraction (Hikari)

Per questo fumetto, più che per "Uno scontro...", vi inviterei alla cautela...

Per questo fumetto, più che per “Uno scontro…”, vi inviterei alla cautela…

Hikari mantiene le promesse e, dopo Uno scontro accidentale sulla strada per la scuola può portare a un bacio? (di cui trovate qui la recensione), continua la pubblicazione delle opere di Shintaro Kago. Ho poco da dire, in realtà, su questo fumetto: la mia opinione sull’autore e sul suo lavoro la trovate espressa ampiamente nella recensione che vi dicevo prima e la riassumerei in un forse troppo sintetico “è geniale”. Per carità, di un tipo di genialità che sicuramente non piacerà a tutti, che lascerà molti turbati e senza parole, o anche solamente confusi. Alcuni potrebbero pure ritrovarsi a chiudere il volume disgustati. Ma i più coraggiosi troveranno spunti di riflessione sia tecnici che narrativi a volontà. Per me, che da questo punto di vista mi ritengo un coraggioso (ahahah), questo volume e qualunque altra opera di questo autore sono un acquisto obbligato, senza troppe riflessioni. Tuttavia se non conoscete Shintaro Kago e il suo stile vi suggerirei un po’ di cautela, soprattutto in questo caso…

Concludo questa posizione ringraziando di cuore Hikari per il coraggio che sta dimostrando nella scelta delle opere da pubblicare e per il livello qualitativo che contraddistingue i suoi albi. C’era davvero bisogno di questo tipo di proposte, di questo tipo di alternative. E ora via verso la prima posizione.

1) Yuki e Tsubasa – Ali sulla neve (Panini)

Ci sono momenti che, quando li leggi, non li scorderai mai più. Il sesto volume di Narutaru, in cui tutto cambiò. L’annaffiatoio de La città della luce. Zibarro. Le pile di cadaveri di Lei, l’Arma Finale. Quelle pile di morti, fatte dei cadaveri dei personaggi che fino a poche pagine prima vedevamo vivere le loro vite al massimo della normalità concessa loro dagli eventi. Pile di corpi seguite da pagine e pagine bianche, vuote, silenziose. Era la fine del mondo a conclusione del lungo viaggio di Chise e Shuji narrato da uno Shin Takahashi in stato di grazia. Pochi altri fumetti sono stati in grado di scuotermi con una tale potenza espressiva, pur tratteggiata con lo stile leggero, sussurrato, di Takahashi che da allora considero uno dei miei autori preferiti nonostante non abbia amato allo stesso modo i suoi successivi lavori.

yuki 3

È stata comunque sufficiente poco più dell’immagine pubblicata su Anteprima per farmi saltare sulla sedia. Yuki e Tsubasa – Ali sulla neve, la nuova opera del maestro, arriva in Italia pubblicata da Panini Comics, e già non vedo l’ora. Era molto tempo che non mi emozionavo così per un nuovo manga, ma non posso farne a meno: una sorpresa inaspettata ma piacevolissima come non ne ricevevo da un po’.

(tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari)

Annunci

One thought on “Top10 delle anteprime di luglio

  1. Pingback: Yuki e Tsubasa. La neve e i poteri esp. Il ritorno in grande stile di Shin Takahashi | dailybaloon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...