Golem, una luminosa distopia

L’economia italiana ai è allineata con i parametri mondiali, con l’abbandono dell’Euro e l’adozione dello Pseudo, una moneta unica per l’Eurasia: una garanzia di pace internazionale e stabilità. Anche i beni primari, come il cibo e la salute, sono diventati un certezza.

Ognuno di noi può permettersi una delizia Zibò. La fame non esiste più! perfino cucinare, con tutti i pericoli e i costi che comporta, è un ricordo lontano, tanto si sono evoluti i servizi di ristorazione.

Abbiamo accesso a terapie per i tumori infantili che solo poco tempo fa sarebbero state impensabili… grazie alla Nanonine, con le sue rivoluzionarie cure nanotecnologiche. Un orgoglio italiano.

Com’è stato possibile? Con l’amore. L’amore innato di un padre verso il figlio, di chi sa sempre cosa è meglio per lui. Non dobbiamo dimenticare mai che l’Italia è quindi, prima di tutto, una Repubblica Democratica basata sull’amore. Buon anno.

golem 1

Salve a tutti e bentornati per la nostra recensione mensile sulle pagine di Concretabook. La graphic novel di questo mese si intitola Golem, è scritta da LRNZ, ed è un capolavoro. Questo volume sorprendente, uscito a inizio anno ed arrivato già alla prima ristampa, rischia di essere il fumetto dell’anno anche se l’anno, alla fin fine, è appena cominciato. E questo non per via di una mia mancanza di fiducia per un 2015 che ha tutte le carte in regola per essere un anno di fumetti indimenticabili, ma perché Golem è davvero davvero bello. Uno di quei lavori come se ne vedono pochi, dei quali ricordarsi nei giorni a venire.

golem 7

Trovate la recensione completa, come al solito, a questo indirizzo. Leggetela e poi leggete anche Golem, non ve ne pentirete.

Dal pozzo dei ricordi: Saru

Storie di scimmie dai poteri sovrannaturali si ritrovano in tutto il mondo. Che sia una coincidenza? Il fascino e al contempo il terrore nei confronti di un animale che tanto assomiglia all’uomo, forse, è un sentire comune a tutto il genere umani, a prescindere dalla cultura…

saru cover

Salve a tutti e ben tornati ad affacciarvi al pozzo dei ricordi. È passato tanto, troppo tempo dall’ultima volta ma, si sa, con i ricordi va così. Vanno e vengono, talvolta quando meno te lo aspetti. Oggi quindi, forse inaspettatamente, riprendiamo il nostro viaggio nelle opere di Daisuke Igarashi e aggiungiamo un tassello al mosaico, dopo Spirit in the Sky e Witches. Il fumetto che oggi riemerge dal pozzo si intitola Saru. Continua a leggere

Top10 dell anteprime di aprile

Salve a tutti e, come sempre, bentornati. Come ogni mese è arrivato il momento di tuffarci nella classifica delle novità, che questo giro è stata particolarmente difficile da stilare: eccezion fatta per le solite due o tre bombe imprescindibili, quelle che ti saltano immediatamente all’occhio, ho trovato questo numero di Anteprima abbastanza scarno. Poi però, andandoli a cercare col lanternino, i titoli sugosi hanno cominciato a farsi vedere producendo una classifica tutto sommato interessante e variegata. Quindi… buona lettura!

200 articoli

Tra le altre cose… L’articolo di martedì nel quale abbiamo parlato del progetto Atomico era il duecentesimo articolo di Dailybaloon. Così, a titolo informativo…

Continua a leggere

Atomico s’ha da fare. Ecco perché

Salve a tutti e bentornati, spero ve la passiate bene. Purtroppo è un periodo in cui ho davvero poco tempo libero e le letture di conseguenza scarseggiano. Quindi oggi niente recensione. C’è però una cosina, alla quale abbiamo già accennato su Facebook, di cui vorrei parlarvi con un po’ più di calma, anche perché negli ultimi giorni ci sono stati degli sviluppi interessanti. Questa cosina è Atomico.

atomico 1 Continua a leggere

Mouse Guard, un’incredibile storia di topi

Noi topi abbiamo poche possibilità in questo mondo, considerando tutte le creature che ci mangiano. Sappiamo come costruire le nostre città nascoste e protette: entro affioramenti rocciosi, tra radici intricate e sotto terreni argillosi. Sopravviviamo.

Ma come viviamo? Viaggiare negli spazi aperti tra le città è pericoloso. La Guardia esiste da prima della nostra storia. Loro sono gli esploratori, le nostre guide, le nostre scorte e i nostri difensori.

mouse guard cover

(mi scuso per la qualità della citazione ma ho raffazzonato una traduzione dall’inglese dato che ho lasciato incautamente il mio volume in archivio) Continua a leggere

Prophet, la miniserie francese abbordabile made in Cosmo

Dei macabri bassorilievi presero il posto di ideogrammi misteriosi… che esseri avrebbero potuto generare delle oscenità così rivoltanti?! Toccavo il fondo… il mio cuore batteva all’impazzata, il mio respiro faticava… e lo vidi…

prophet cover

Salve a tutti e ben ritrovati. È dura riprendersi dalle abbuffate pasquali, quindi  iniziare a recuperare il ritmo perduto la recensione di oggi sarà più leggera del solito, così iniziamo con calma. Oggi parliamo di Prophet. Però non quello Image di Brandon Graham, ma quello francese di Mathieu Lauffreay. Continua a leggere

Outcast, possessioni in salsa Kirkman

Siamo nati per essere credenti. Siamo fatti così. Prendete un bambino, uno qualsiasi. Passerà cinque minuti a spiegarvi cosa rappresentano tutti quegli scarabocchi illeggibili che ha disegnato. E poi vi crederà quando gli direte quanto è bravo a disegnare.

Voglia credere. Vogliamo avere fede… in qualunque cosa. È questo che siamo.

outcast cover

Salve a tutti e bentornati in questo venerdì pre-pasquale. In realtà questa recensione sarebbe dovuta uscire martedì, come al solito, ma poi… poi era stata posticipata a mercoledì primo aprile, giornata nazionale contro i risvoltini e san Ugo Vescovo patrono delle pescherie, ma poi di nuovo… Quindi vabé, eccoci qua oggi.

Oggi vorrei parlarvi di un fumetto che onestamente non credevo avrei comprato. E invece poi l’ho preso e l’ho letto, colpa/merito anche e soprattutto di un prezzo lancio da caffetteria di quelli che non passano inosservati. Mi riferisco ovviamente al primo numero di Outcast, ultima fatica di un Robert Kirkman ormai sempre più solido e confidente, stampato da Saldapress in formato bonellide e distribuito come il pane a 1 euro a copia (fino al 14 maggio, poi quasi 3 euro). Continua a leggere