Home » Recensioni » Di nuovo su Mouse Guard, stavolta d’inverno

Di nuovo su Mouse Guard, stavolta d’inverno

Quando nevica i pattugliamenti diminuiscono. Sono pochi i topi che ci chiedono una scorta per viaggiare. In genere d’inverno ci rintaniamo, riprendiamo le forze per la primavera e ci spostiamo di rado.

Questo autunno abbiamo perso uno dei nostri. Non solo ci ha traditi, ma le conseguenze delle sue azioni continuano a mordere anche dopo mesi dal suo esilio. Tanasicura riecheggia vuota. Ho inviato i miei topi migliori in missione per ricostruire.

Se non fanno ritorno con i medicinali e una promessa d’alleanza con le città vicine, ho paura che siamo tutti condannati.

mouse guard - parte 2 6

Salve a tutti e ben tornati, dopo un periodo di pausa forzata protrattosi decisamente troppo a lungo, a chiacchierare di fumetti. Confido che la normale pseudo-regolarità di Dailybaloon venga presto ristabilita, con i soliti articoli del martedì e del venerdì. Sto lavorando (finalmente) al prossimo capitolo della Storia dell’Universo Marvel [sarebbe anche ora, direte, e avete ragione] e ad un paio di recensioni intriganti che se seguite la pagina Facebook o le mensili classifiche delle anteprime potreste aver già intuito. Ma per ora ricominciamo dopo queste due settimane di apparente torpore parlando (di nuovo? Sì, di nuovo) di Mouse Guard.

Se vi foste persi la recensione del primo volume delle avventure della Guardia, Autunno 1152, la trovate qui. Tuttavia ora che ho letto anche il secondo albo, Inverno 1152, ed il terzo, La Scure Nera, credo che sia necessario fare qualche precisazione. Non che il mio giudizio entusiasta sia mutato, anzi, ma questo secondo e terzo capitolo si sono rivelati così eccezionali che meritano un paio di parole aggiuntive in loro favore, fosse anche solo per convincere gli irriducibili indecisi. Partiamo con Inverno 1152.

mouse guard - parte 2 5

Gli eventi di Autunno 1152, con la ribellione di Mezzanotte giunta fino ad espugnare le mura di Tanasicura, quartier generale della Guardia, hanno lasciato i topi impreparati ad affrontare l’imminente inverno. Le scorte della Guardia sono decimate, cibo per superare il freddo e medicinali per guarire i feriti della battaglia scarseggiano, e la matriarca Gwendolyn si vede costretta ad inviare messaggeri in tutte le citta dei territori in cerca di aiuto. Il fuoco della ribellione non si è inoltre estinto del tutto, e l’astio maturato negli anni contro i topi della Guardia serpeggia ancora, difficile da estinguere. Anche entro le mura di Tanasicura.

È necessario costituire un consiglio formato dai rappresentanti di ogni città dei topi, per placare gli animi e rassicurarli sul ruolo neutrale della Guardia, e per ridiscutere gli equilibri di potere. I nostri eroi, Lieam, Kenzie, Saxon, Sadie e Celanawe, sono di ritorno da questa missione diplomatica quando vengono sorpresi da una bufera di neve e attaccati da un gufo, nemico temibile per dei piccoli topi, anche se della Guardia.

mouse guard - parte 2 9

Il viaggio di ritorno non si preannuncia facile.

mouse guard - parte 2 7

Questo secondo volume amplia notevolmente le potenzialità espresse nel primo. Magari è solo per una mera questione numerica, abbiamo avuto pagine e capitoli in più per immergerci nell’atmosfera dei territori, ma il fantastico mondo narrato prende forma in maniera sempre più viva e complessa. Dal puro racconto d’avventura che era Autunno 1152, fatto di tradimenti e battaglie, qui la faccenda si fa più complessa: vengono trattate questioni politiche e di equilibri di potere, si scoprono nemici e pericoli inaspettati, più vicini di quanto si potesse sospettare.

mouse guard - parte 2 8

In questo palcoscenico, decisamente più articolato di quanto visto nel volume precedente, il gruppo di protagonisti sarà costretto a dividersi e a trovare strade differenti verso Tanasicura. Ed è qui che Inverno 1152 colpisce nel segno, superando di gran lunga il suo predecessore. Le emozioni dei topi si fanno, di pari passo con la storia, più complesse e sfaccettate, lontane dal mero “noi siamo topi della Guardia e quindi siamo buoni”. Si parla di amore e di rimorso, di speranza per il futuro, di dolore per le proprie perdite, del peso dei propri fardelli. E, soprattutto per quanto riguarda Lieam (ma anche per Saxon si potrebbe fare un discorso analogo), Inverno 1152 rappresenta un esemplare romanzo di formazione che farà crescere la giovane e promettente recluta fino a qualcosa di più, di molto di più.

mouse guard - parte 2 11

Per La Scure Nera il discorso cambia.

mouse guard - parte 2 1

Dopo un prologo ambientato appena prima della fine dell’inverno (che ne obbliga la lettura dopo il secondo volume e non viceversa, come alcuni parrebbero voler farvi credere) la narrazione si sposta del tutto nel passato di Celanawe e racconta la mitica storia di come sia diventato la leggendaria Scure Nera. Il racconto è immerso nello splendido alone di miti e leggende antiche che avvolge sempre il passato delle grandi epopee fantastiche. Quel passato popolato d’eroi e personaggi straordinari come oggi non se ne vedono più, impegnati in cerche perigliose di potenti artefatti (come nella miglior tradizione fantasy). Il tono si fa a tratti più distaccato, domina la voce fuori campo del narratore che ricorda gli eventi di quei tempi lontani.

mouse guard - parte 2 2

Anche qui faremo la conoscenza di personaggi indimenticabili come la sapiente Em e l’impulsivo marinaio Conrad e, su tutti, l’onorevole re dei furetti Luthebon, sovrano giusto e guidato da un senso d’onestà e giustizia cavalleresca che il lettore mai si sarebbe aspettato da un nemico dei topi.

mouse guard - parte 2 4

Il racconto della ricerca della Scure Nera, costellato di grandi gesta ma anche di grandi tristezze, è forse il più riuscito della saga (finora). In queste pagine Petersen raggiunge, per rimanendo nei limiti del racconto fantastico per ragazzi, un ottimo livello di introspezione dei personaggi mettendo in scena le loro forze ma anche (e soprattutto) i loro dubbi e debolezze, la loro felicità per la riuscita della missione ma anche il loro dolore per le perdite affrontate durante il viaggio. Da questo punto di vista la cieca irriconoscenza di Conrad, offuscato nel giudizio dall’alcol e nei sentimenti dall’astio e dall’invidia, e la regalità di Luthebon, inaspettata virtù in quello che si presenta come antagonista, sono precise scelte di un character design vincente.

mouse guard - parte 2 12

Di tutte le caratterizzazioni ho particolarmente apprezzato molto la fallibilità di Conrad e l’onore di Luthebon che li rendono personaggi più complessi del solito “buono” e “cattivo”.

L’impressione che ho avuto, leggendo questi due volumi, è che Petersen abbia affinato oltremodo le proprie, già notevoli in Autunno 1152, capacità narrative. La spensieratezza di un racconto che per quanto comprendente intrighi e tradimenti rimane leggero e solare lascia il posto ad intrecci ed emozioni più complicate che scuotono il lettore come fosse lì in prima persona.

Anche i disegni, pur rimanendo riconoscibilissimi nello stile, vanno raffinandosi di pagina in pagina. La colorazione rimane graffiante ma si fa meno aggressiva, la caratterizzazione di personaggi diventa più accurata e l’usuale cura con cui vengono rappresentati i vari luoghi restituisce una credibilità e un senso di nostalgia sempre maggiori.

mouse guard - parte 2 3

In conclusione. La Guardia dei Topi si conferma con questi due volumi una gran lettura, soddisfacente ed immersiva, in costante miglioramento. Nonostante l’esorbitante prezzo di copertina ribadisco il mio precedente consiglio di leggere questa bella saga, genuinamente divertente e profondamente entusiasmante. Non avete che da guadagnarne. Detto questo vi saluto, noi ci rivediamo tra qualche giorno (spero pochi) per riprendere la nostra routine. Nel frattempo, alla prossima.

(tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari)

Annunci

One thought on “Di nuovo su Mouse Guard, stavolta d’inverno

  1. Pingback: Tope10 delle anteprime di novembre | dailybaloon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...