Dragon Head, la fine di un viaggio che non c’è stato

L’immaginazione distruttiva che si cela nella mente umana… i mostri immaginari… gli spettri interiori… il mondo di paura creato nel subconscio. L’intensificazione della coscienza di questi elementi e proprio la paura estrema!

La mente umana possiede una forza terrificante, ed è più spaventosa di tutto ciò che di pauroso ci offre questo mondo… la mente umana è essa stessa una cosa terrificante.

dragon head - la fine 1

Salve a tutti e bentornati. È estate e, nonostante gli impegni universitari non si siano del tutto levati dai piedi (per quello dovrò aspettare ancora qualche settimana) sto approfittando del caldo imperante e della maggiore quantità di tempo libero per rimettermi in pari con letture che avevo lasciato in sospeso. A guardare le pile di fumetti arretrati che ho sparse per casa ci sarebbe da prender paura: si va da Prophet a Yuki e Tsubasa, da Sprite a Ooku a Shamo, passando per un’infinità di spillati di supereroi e graphic novel varie che non sto nemmeno ad elencare.

E tra tutti questi titoli ne spicca uno in particolare: Dragon Head. Era veramente ora che mi decidessi a finirlo, leggendo quei fatidici ultimi tre volumi che continuavo a rimandare. L’ho fatto, e direi che è giunto il momento di dire due paroline a riguardo. Continua a leggere

Annunci

Piena di niente: quattro storie vere sull’aborto e l’obiezione di coscienza in Italia

“Sto male…”

“Gliel’ha detto anche il medico: è normale.”

“Ma sto male…”

“Su, riposi. Non può suonare sempre, sveglierà le mamme e i loro bimbi, di là. Il medico non obiettore non c’è, finché non arriva non so che dirle.”

“Non si può avere una stanza lontano dai bambini? Il loro pianto… mi dà alla testa…”

“Ma perché vuoi stare lontana dai bambini, cara? Non lo sapevi che lo avresti ammazzato? Devi ritrovare la pace… Il senso di colpa ti dilanierà come Cristo in croce…”

piena di niente cover

Salve a tutti e bentornati! Oggi giornata particolarmente intensa, con ben due articoli! Non succedeva da un sacco di tempo…

Oltre alla nostra mensile classifica delle anteprime, che se ve la foste perse potete trovarla qui, eccoci infatti con l’altro nostro appuntamento mensile: quello con le pagine di Concretabook. Il fumetto che ho deciso di recensire questo mese è una graphic novel difficile che parla di un tema molto delicato: l’aborto e l’obiezione di coscienza.

piena di niente 4

È un argomento di cui non si sente parlare spesso, nel mondo della letteratura disegnata, e che Alessia di Giovanni e Darkam approfondiscono nella loro opera Piena di niente, edita quest’anno da Becco Giallo. Non mi resta dunque che rimandarvi alla recensione completa, che come al solito trovate qui, nella quale troverete tutte le riflessioni del caso. Per il resto vi auguro buona lettura e… alla prossima!

Top10 delle anteprime di luglio

Salve a tutti e ben tornati, come ogni mese, a dare un’occhiata alle novità fumettistiche che allieteranno il nostro futuro riempiendolo di gioia e allegria. E mentre il mondo vero sta entrando adesso nel cuore dell’estate per il mondo dei fumetti l’estate è finita. Le anteprime di questo mese vedranno infatti la luce ad ottobre, in autunno inoltrato, quando il torpore che il caldo si porta dietro sarà solo un vago ricordo.

autunno

Di conseguenza non c’è da stupirsi che questa classifica sia così densa d’annunci e di titoli d’interesse. Così densa che qualcosa doveva rimanere fuori. Tra i non classificati (bravi lo stesso) vi segnalo giusto un paio di cose, perché sorvolare del tutto sarebbe stata una gran ingiustizia. Continua a leggere

A silent voice, il bullismo raccontato. Ma in modo diverso

È come quando copro di sale una lumaca, in seguo un piccione, ostacolo la strada alle formiche o scarabocchio il muso di un gatto.

La inzuppo d’acqua, la inseguo, le faccio lo sgambetto o le riempio di scarabocchi il quaderno. questo è il modo giusto di usare Nishimiya.

000

Salve a tutti e bentornati. È passato fin troppo tempo dalla nostra ultima recensione, soprattutto per quanto riguarda il panorama manga la cui ultima apparizione in questo spazio risale a… marzo? Mammamia. O sto invecchiando e non sono più sul pezzo come un tempo oppure non escono più manga di cui valga la pena parlare. O magari un po’ tutti e due.

In ogni caso eccoci qua a parlare di un manga nuovo di zecca (quasi, dato che è già uscito il secondo volume) che mi ha davvero particolarmente stupito. Si intitola A Silent Voice, è di Yoshitoki Oima, viene pubblicato da Star Comics e vale la pena di leggerlo. Perché? Con calma. Continua a leggere

E gli Eisner Awards di quest’anno vanno a…

Salve a tutti e ben tornati. È stato un periodo decisamente non facile, e le cose da leggere e di cui poi parlare mi si stanno accumulando sul comodino a velocità preoccupante. Ma prima di azzannare la pila di fumetti interessanti usciti negli ultimi tempi e di buttarsi a capofitto nella relativa serie di recensioni è opportuno, come ogni anno, prendersi un secondo per dare un occhio agli Eisner Awards, consegnati la scorsa settimana al Comicon di San Diego.

Ecco, la mia pila di arretrati da leggere assomiglia a questa. Ma con più roba.

Continua a leggere

Cotton Tales, un misterioso romanzo gotico pieno di coniglietti pucciosi

Affacciandomi all’unica finestra potevo ammirare il giardino. Le persone che vi giocano, che corrono, e si sorridono. Sembrano essere… così felici. Io li odio.

Anche tu… ti fai beffe di me, non è così? E allora, io odierò anche te fino al giorno della tua morte.

cotton tales cover

Salve a tutti e ben ritrovati. Per la recensione di oggi vorrei parlarvi di un fumetto che esula dai miei gusti abituali ma che qualche tempo fa attirò la mia attenzione abbastanza da comprarlo alla prima occasione. il fumetto in questione si intitola Cotton Tales e, manco a dirlo, è abbastanza strano. Continua a leggere