Home » Recensioni » Sunstone, ovvero se il sesso ci piace stiamo meglio con noi e col mondo

Sunstone, ovvero se il sesso ci piace stiamo meglio con noi e col mondo

Caro lettore, questa è la storia di come ho incontrato l’amore della mia vita. Quella persona che comple… Dermi! Non mollate! Sarà zeppa di bondage e sesso lesbo bollente!

Bene ora ho la vostra attenzione… Branco di pervertiti…

sunstone - cover

Salve a tutti e bentornati. Oggi si parla di sesso.

Il fumetto di cui vi vorrei parlare oggi è Sunstone, titolo Image di Stjepan Sejic del quale è (quasi) appena uscito il primo volume in Italia. È una storia abbastanza spinta, parla appunto di sesso (ma non solo), quindi se la vista di un paio di tette vi imbarazza… bè, peggio per voi.

Peggio per voi perché Sunstone è davvero, ma davvero bello. Racconta la storia di due donne, Ally e Lisa, alle quali piace il BDSM: la prima è una dominatrice mentre la seconda ha una passione per corde e quant’altro. Insomma, è la sua schiavetta.

sunstone 4

Tutto nasce da questa passione in comune, una passione difficile da comunicare al mondo e che rende la loro vita sentimentale parecchio accidentata. Le due si incontrano in una chat online sull’argomento, si conoscono e diventano amiche. E poi decidono di incontrarsi per vedere se può funzionare, se possono soddisfare a vicenda i propri desideri sessuali.

sunstone 5

Inizia così per Lisa, la vera protagonista della vicenda, un gioco prima di indecisione e poi di fiducia che cambierà il suo mondo definitivamente. Il racconto, che si sviluppa tramite la voce narrante di Lisa che ci parla di “quella volta che ho incontrato Ally” (una voce narrante alle volte troppo didascalica e opprimente, a parer mio), si ferma a riflettere e ad analizzare il rapporto delle due e gli aspetti diciamo folcloristici del BDSM.

sunstone 9

Senza prendersi troppo sul serio, ma al contempo senza apparire eccessivamente superficiale, si ragiona sul ruolo fondamentale della fiducia, in particolare quando sei legato e alla mercé di un’altra persona, si ridacchia sulle usanze e sui cliché del gioco di ruoli che le due imbastiscono, si descrivono pratiche più o meno usuali, si analizza l’incertezza e l’eccitazione della prima volta.

sunstone 3

E poi c’è l’amore. Un’avventura nata per placare dei desideri sessuali insoliti, difficili da comunicare, si trasforma presto in qualcosa d’altro. Lisa ed Ally non l’avevano previsto, e questo le spaventa, le rende goffe e a tratti imbarazzate.

D’altro canto trovare una persona con cui si condivide un’affinità sessuale così profonda… È facile immaginare come questo possa far nascere sentimenti più profondi della mera libido. Perché non c’è nessuno da prendere in giro: sesso e amore sono sì due cose diverse, ma di sicuro si parlano molto. Quindi sì, Sunstone è un fumetto che parla di sesso, o almeno così inizia, ma è pure qualcosa di più.

sunstone 10

Inoltre bisogna riconoscere che Sunstone riesce nella difficile impresa di essere diretto ed esplicito senza risultare mai, nemmeno per un secondo, volgare. Non era scontato per niente, considerati i temi trattati, ma alla fine del primo volume, che è già una delle mie serie preferite di quest’anno, questa cosa è chiara come il sole: si può parlare di sesso, anche di sesso estremo, e lo si può persino mostrare, senza scadere nella volgarità e nella pornografia.

sunstone 6

Sul piano estetico il lavoro di Stjepan Sejic è incredibile. Abbandonata del tutto la CGI per il quale lo conoscevamo in opere come Withcblade e Ravine, qui l’autore croato dà il meglio di sé e sfoggia una colorazione più tradizionale unita ad una costruzione della pagina ed una regia mutevole e accuratissima, con soluzioni davvero riuscite.

sunstone 1

E poi ci sono il character design e l’espressività dei volti… Le protagoniste, bellissime anche senza le esagerazioni tipiche del fumetto soprattutto supereroistico, sfoggiano una palette di espressioni incredibile che le rende vive e comunicative. Di sicuro è la parte meglio riuscita dell’albo, che a tratti sembra fatto di fermo-immagini presi da un mondo a metà tra l’animazione e la vita vera.

sunstone 2

Come avrete ormai capito, Sunstone mi è piaciuto una cifra (per usare uno slang giovane [di dirà ancora “mi è piaciuto una cifra?]). Viviamo in un mondo in cui la libertà sessuale non esiste. E badate bene che “libertà sessuale” non vuol dire avere il diritto di girare per strada e farsi chiunque passi senza se e senza ma. Quello sarebbe “legalizzare lo stupro”, ed è un’altra cosa. Libertà sessuale vuol dire che ognuno, sia omosessuale, bisessuale, etero, trans, cliente di prostitute, sadico o qualunque altra cosa vi venga in mente… Ecco, ognuno dovrebbe avere la possibilità di esprimere la propria sessualità con un compagno o compagna consenziente senza incorrere nel giudizio e nell’odio di chi considera ogni pratica al di fuori del missionario una depravazione.

sunstone 8

Questa libertà non ce l’abbiamo ancora. E Sunstone è una celebrazione di questa libertà. Perché il sesso fa parte della vita, non c’è da averne paura e non dovremmo vergognarcene, e se il sesso che facciamo ci piace la nostra vita sarà almeno un po’ migliore, e noi di conseguenza.

Se c’è un messaggio in Sunstone direi che è questo. E se poi questo messaggio viene comunicato con una bella storia, scritta con tale dignità e onestà, magistralmente disegnata…

Non posso che consigliarvi caldamente, ma davvero molto caldamente, la lettura di questo volume arricchito tra l’altro da una corposa post fazione sulla nascita dell’intero progetto. Vi divertirete non poco. E se la vista di un paio di tette e di qualche posizione strana vi imbarazza… bè, di nuovo, peggio per voi.

(tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari)

Annunci

4 thoughts on “Sunstone, ovvero se il sesso ci piace stiamo meglio con noi e col mondo

    • Premesso che non ho letto né visto 50 sfumature di grigio…
      Credo che la forza di Sunstone sia la sua schiettezza e onestà di fondo. È una storia ironica e realistica, che non appare assolutamente come un pretesto per far arrapare ragazzini in crisi ormonale o donne di mezz’età.
      Magari in realtà lo è, ma non si presenta certo in questo modo. Tutto ha un sapore molto genuino.
      Ti lascio comunque a quest’articolo di Leganerd che proponeva la lettura di Sunstone proprio in alternativa a quella delle 50 sfumature. Il sunto potrebbe essere tipo “Sunstone sì, 50 sfumatura proprio no”.

  1. Pingback: Top10 delle anteprime di dicembre | dailybaloon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...