Home » Recensioni » Il peso dei ricordi: Le memorie di Emanon

Il peso dei ricordi: Le memorie di Emanon

Come pensi che ci si senta a dover ricordare qualunque atroce esperienza per miliardi di anni? E tu lo chiami superpotere? Gli esseri umani sono dotati della facoltà di dimenticare. Perché io non posso dimenticare nulla?
memorie di emanon 1

Salve a tutti e bentornati, vi accolgo con una nuova recensione (quanta solennità). Per ora lasciamo da parte Rocket Girl, l’ultima delle quattro serie Image/Bao di cui vi dovevo parlare, in favore di un paio di manga che meritano due paroline (non necessariamente positive, in questo caso sì). Partiamo con Le memorie di Emanon, volume unico che aspettavo con abbastanza trepidazione e che finisce dritto dritto nella lista delle mie letture preferite di quest’anno.

1967. Un ragazzo, adolescente o poco più, appassionato di fantascienza, provato da varie delusioni amorose. Un viaggio in nave verso casa. Sul ponte, l’incontro con una ragazza dotata di un fascino strano, magnetico. Lei dice di chiamarsi Emanon.

memorie di emanon 2

Così inizia la nostra storia. Poco alla volta scopriamo che Emanon non è una persona qualunque: nella sua memoria è catalogata la storia dell’intera vita sulla Terra. Tre miliardi di anni di ricordi sono un fardello pesante da trasportare e quello che sembrerebbe un dono più probabilmente viene vissuto come una maledizione.

Di più. Se a fare di noi ciò che siamo, definendoci come individui, sono le nostre esperienze e la nostra memoria… allora cos’è e chi è realmente Emanon? Quanta solitudine può derivare dalla sua condizione? Qual è il suo scopo?

memorie di emanon 8

I due parlano a lungo, si avvicinano, forse si innamorano. Poi Emanon sparisce così com’è comparsa, portando con sé per tutto il futuro il ricordo di questo preciso incontro che, per quanto insignificante, ha contribuito a rendere l’universo quello che è e che sarà.

Le memorie di Emanon racconta questo: un incontro. Un uomo ordinario, come ce ne sono tanti, che si interfaccia con un essere straordinario, unico, eterno. Il ragazzo, del quale non sapremo mai il nome (ma i nomi sono solo etichette, non sono loro a definirci), dovrà confrontarsi con il concetto stesso di eternità, così alieno all’essere umano.

memorie di emanon 4

A veder la trama descritta in questo modo parrebbe d’aver a che fare con un albo semplice, poco originale e a tratti pure superficiale. E magari, forse, è così.

Ma c’è qualcosa nelle poche pagine che compongono il volume a renderlo speciale, un dualismo silenzioso ma efficace. Da un lato c’è la leggerezza di fondo con cui si racconta la chiacchierata tra due giovani che si piacciono e iniziano a conoscersi. Parole piene di allegria e serenità, ma anche solennità e (perché no?) spacconeria. Dall’altro c’è l’assoluta straordinarietà della condizione di lei e i discorsi e le riflessioni che ne conseguono. Riflessioni che, pur non esplicitate a parole, rimangono nell’aria a colpire tanto i protagonisti quanto il lettore. Il senso della memoria, l’individualità, il voler essere ricordati…

memorie di emanon 3

Nel dipingere tutto ciò gli autori fanno un lavoro onestamente splendido. I testi di Shinji Kaijo riescono a trasmettere quanto devono senza risultare né espliciti né superficiali: in un dialogo non sempre si dice tutto ciò che si pensa, ma non per questo quei pensieri non esistono o le nostre parole risultano banali. E ne Le memorie di Emanon il non detto si fa sentire, esiste, e forse è proprio quello a smuovere il lettore. A corredo ci sono i disegni di Kenji Tsuruta, primo motivo per cui ho acquistato il volume a scatola chiusa (nonostante il prezzo).

memorie di emanon 5

Tsuruta riesce a rendere vivi e credibili i suoi personaggi, animati da espressioni e movenze reali, mai esagerate. È anche attraverso i loro sguardi e i piccoli gesti che passa tutto il sottinteso, tutta l’emozione. Eccezion fatta per qualche viso di tre quarti un po’ sbilenco, i disegni sono memorabili proprio nel loro non essere eccesivi, dalla caratterizzazione dei protagonisti ai loro vestiti alle inquadrature e scelte registiche che placidamente accompagnano lo scorrere della serata che i due condividono.

memorie di emanon 7

E poi c’è Emanon. Una ragazza straordinaria, ricettacolo di tutta la conoscenza della vita stessa, eppure così ordinaria, con le sue lentiggini ed i jeans ed il maglione a collo alto. E nella sua ordinarietà così bella. La protagonista di questo volume ha un fascino indescrivibile, magnetico come dicevo in apertura, che passa anch’esso attraverso le piccole cose: gli occhi vivi ma vagamente tristi, la gestualità, la sigaretta accesa sempre in mano…

memorie di emanon 6

Dopo più di settecento parole mi rendo conto che forse non sono riuscito ad esplicitare davvero il motivo per cui Le memorie di Emanon mi è piaciuto quanto mi è piaciuto. Forse perché, in realtà, non riesco a spiegarlo nemmeno a me stesso.

Arrivati all’ultima pagina la storia dei due è conclusa e, anche se il mio lato più sentimentalone avrebbe voluto proseguisse per altri mille volumi [Emanon in realtà la rincontreremo presto in un secondo albo, intitolato I viaggi di Emanon, che racconterà di altre storie e altri luoghi], va bene così. Questa storia è iniziata ed è finita. E noi non possiamo che osservarla nascere, fiorire e terminare. Altre ne arriveranno, d’altro canto Emanon è una presenza imperitura. Il ragazzo senza nome invece è effimero, di passaggio. Ma lascia un segno, in Emanon e i noi.

memorie di emanon 9

Ed è probabilmente proprio per questo che, alla fine, Le memorie di Emanon mi ha convinto. Per quanto breve ed effimero, lascia il segno.

 (tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari)

Annunci

One thought on “Il peso dei ricordi: Le memorie di Emanon

  1. Pingback: Top10 delle anteprime di ottobre | dailybaloon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...