Home » Speciale » What a month I missed

What a month I missed

Come avrete di certo notato in quest’ultimo mese mi sono assentato dal blog, causa impegni inderogabili con l’ineluttabile scrittura delle tesi. Ma stiamo recuperando. Qualche giorno fa ho buttato giù decisamente fuori tempo massimo la classifica delle anteprime di febbraio, la trovate qui. Giusto in tempo per quella di marzo, direte voi, eh vabbè.

Proseguiamo quindi con un recap pre ritorno alla normalità, ché in un mese di cose ne succedono a secchiate e mi sento un po’ come James Flint di ritorno dall’assalto alla Andromache: what a day I missed.

andromache

E partiamo al volo con la nascita di una nuova nuovissima casa editrice: It Comics.

it-comics-logo

Il nome è quello che è, ma il progetto sembra più che valido: l’idea è quella di esportare il modello creativo che sta rendendo la Image Comics il caterpillar inarrestabile che è ultimamente. Si lascia completa libertà creativa agli autori che possono quindi gestire diritti e direzione artistica delle proprie storie. In due parole: creator owned.

Vi lascio al sito della nuova etichetta e all’articolo di presentazione apparso su Fumettologica. La prima serie ad uscire sarà Josif, al Cartoomics a Milano, per le altre si dovrà aspettare Lucca. Di seguito le tre copertine, tra quelle mostrate, che più mi ispirano. Così, a pelle.

it-comics

E proseguiamo con lo scossone che ha travolto GP e J-pop: salta l’accordo con Kodansha, congelate tutte le serie in corso. Non si è capito bene il motivo. Gli editori italiani dicono “decisione unilaterale dei giappi”, i giappi probabilmente stanno pensando “unilaterale sì, ma c’avete costretto voi che pubblicate un po’ come cazzo vi pare”.

In ogni caso ora è tutto un po’ un macello. Le serie in corso sono da considerarsi sospese in attesa che qualche altro editore se le pigli sul groppone e le porti a termine, sperabilmente rispettando numerazione e formato. Giusto per fare capire di quali serie si parla, queste alcune delle testate coinvolte: A town there you live, Baroque (che tanto comunque non usciva dall’alba dei tempi), Billy Bat, Detonation Island, Moyasimon, Noragami.

Se dovessi sbilanciarmi su chi prenderà cosa direi Billy Bat  e Detonation Island a Panini, forse pure Moyasimon, mentre A town where you live a Star Comics. Per tutto il resto forse è meglio mettersi il cuore in pace.

byebye-kodansha

Parlando invece di gente importante. Stan Lee annuncia che farà un’ultima grande apparizione pubblica e poi diventerà il fantasma del natale passato e si ritirerà a vita privata, sorridendo in modo inquietante ai passanti che passano davanti a casa sua. Se voleste andare a stringere la mano a quello che pare aver inventato il cosmo Marvel solo per poi farci i camei nei film, lo trovate in Canada. Poi cippa.

stan lee

Restando più vicini a casa, invece, ci sarà nientepopodimenoche Go Nagai al Romics il che è bene. E soprattutto ci sarà Atsushi Kaneko al Comicon di Napoli il che è super-mega-benissimo. Go Nagai di certo non ha bisogno di presentazioni, Atsushi Kaneko in realtà nemmeno ma giusto per capirci, visto che in Italia è pubblicato seriamente giusto dall’altro ieri (salvo sporadiche apparizioni ai gloriosi tempi della d/books e della Kappa Edizioni), Kaneko è l’autore di Soil (vincitore tra l’altro di un Guanto da Forno d’oro), di Wet Moon, di Bambi e di Deathco. Tutte letture imperdibili.

kanekos works

Passando alle novità in arrivo vi segnalo che è iniziato il crowdfunding per il secondo volume di Lumina (del primo meraviglioso tomo avevamo entusiasticamente parlato qui). Che dire? Non vedo l’ora che esca. 25 euro il perk base ma, aggiungendo 10 eurini, vi aggiudicate pure un artbook di un centinaio di pagine. Scelta quasi obbligata.

lumina2-2

Infine Bao Publishing annuncia che porterà in Italia Tokyo Ghost, serie Image con Rick Remender ai testi (autore tra le altre cose del piacevolissimo Black Science) e Sean Gordon Murphy ai disegni (The Wake e Punk Rock Jesus per dirne due). Anche questa ottima ottima notizia, perché più Image c’è in giro e meglio è.

tokyo ghost

È questo è più o meno tutto quello che avevo da segnalare. Tra pochissimo ormai si riprenderà il ritmo normale, ed era pure ora. Nel frattempo non mi resta che augurarvi una buona serata. Alla prossima.

(tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...