E la chiamano estate

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Come ogni mese, anche stavolta (quasi) in orario, torniamo a parlare di graphic novel sulle pagine di Concretabook. E lo facciamo con E la chiamano estate.

e la chiamano estate cover

Uscito ormai un paio d’anni fa, E la chiamano estate è un gioiellino capace di raccontare, con una sensibilità straordinaria, la quotidianità estiva di due amiche in vacanza. Tra piccoli e grandi drammi familiari, film horror da guardare da sole la sera, amori estivi, gelati e passeggiate, è impossibile non venir trascinati da un racconto denso e molto vicino.

e la chiamano estate 6

E la chiamano estate è un fumetto perfetto per la stagione, da leggere durante una serata in spiaggia o stesi su un’amaca assaporando la brezza fresca, e mi sento di consigliarvelo perché saprà coinvolgervi a dovere. Come al solito trovate qui la recensione completa. Per adesso è tutto, buona lettura e… buona estate.

Annunci

Commenti un tanto al chilo

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. O benvenuti, visto che con questo articolo si inaugura una nuova serie di post. Aperiodica, come quella sui fumetti digitali, e quindi il prossimo pezzo lo vedrete nell’anno del forse. Ma i buoni propositi non fanno mai male (almeno credo), quindi mettiamoci di buona lena e proviamoci.

È un periodo in cui leggo tanto ma molto di quello che leggo non si presta, per vari motivi (tempo, voglia, capacità personali…), a una recensione monografica (non subito, per lo meno).

Quindi da ora in poi ogni tanto compariranno articoli come questo: collezioni di commenti brevi su volumi nuovi o vecchi che mi è capitato di leggere e dei quali mi va di parlarvi. Il format è ancora un po’ vanilla, ma ci sto lavorando. Per adesso l’unica novità rispetto ai “soliti” articoli è l’introduzione, dopo ogni commento, di una tabella riassuntiva con tanto di voto. Ridurre tutto a un numero non è cosa particolarmente bella, ma tant’è. Tra l’altro, i disegnetti dei voti sono fatti dal bravissimo Davide, mio caro amico, che tra le altre cose tiene anche un blog super figo nel quale potete leggere i suoi vaneggiamenti. Lo trovate qui.

In ogni caso ogni consiglio su come migliorare format e approccio è ben accetto, quindi non siate timidi.

Si parte con un bel fritto misto fatto di Chunky Rice, Nuovo Mondo 9, Viaggio a Tokyo e un paio di volumi Hollow Press (sui quali comunque prometto ritorneremo a tempo debito). Quindi non perdiamo altro tempo e… Buona lettura!

commenti un tanto al chilo 1 Continua a leggere

Top10 delle anteprime di giugno

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Come ogni mese è il momento della classifica delle anteprime che troverete sugli scaffali tra la fine dell’estate e l’inesorabile arrivo dell’autunno, in quel momento in cui sarete tornati dalle vacanze (spero ne abbiate potute fare) e non avrete più soldi da spendere per gestire assennatamente tutto il ben di dio che il mercato si appresta a lanciarvi addosso.

tropical island

Questo mese in particolare vede una buona abbondanza di titoli Bao dopo qualche classifica in cui l’editore milanese si era presentato, diciamo, un po’ sottotono. Speriamo tutti assieme (molti manga ci insegnano che se speriamo abbastanza forte le cose si avverano) che Bao faccia anche quest’anno lo sconto a fine estate che sennò è un macello. E ora pronti via: posizione numero 10. Continua a leggere

Wrong, il fumetto sbagliato al momento giusto

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. È arrivata l’estate, giusto? Sbagliato.

Sto pian pianino smaltendo varie letture arretrate, accumulate nel corso dei lunghi mesi invernali, alle quali si sono aggiunti i numerosi acquisti che mi hanno accompagnato lungo il viaggio di ritorno dall’ARF. Uno degli albi che maggiormente mi ha colpito tra quelli recuperati alla bella fiera romana (e tra quelli che ho avuto finora il tempo di leggere) è di certo Wrong, dei ragazzoni di Skeleton Monster.

Wrong_cover

Continua a leggere

Low, avventure subacquee dagli abissi di un mondo morente

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Prendete un bel respiro e poi trattenete il fiato che stiamo per tuffarci nelle profondità del mare: è il momento di una nuova recensione. Il fumetto di cui vi parlo oggi è Low, titolo Image firmato da Rick Remender e Greg Tocchini e portato in Italia da Star Comics. Una bella sorpresa.

low - cover

Come accade regolarmente da un po’ di mesi, ormai, Low attira la mia attenzione prevalentemente per il fatto d’essere un fumetto Image. Lo so che sto diventando una specie di fanboy esaltato della casa editrice di Eric Stephenson ma, che volete che vi dica, sono fatto così: mi lanciano addosso due tre quattro titoli luccicanti e io perdo la testa. Non ci posso far nulla. Ma non divaghiamo. Continua a leggere