Due chiacchiere sulla generazione del millennio. Un’intervista a Lorenzo Ghetti e Claudia Nùke Razzoli

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Dopo tanto, troppo tempo, torniamo a chiacchierare di fumetto con chi i fumetti li fa. L’intervista che vi propongo oggi è stata registrata nella bellissima area autoproduzione del Treviso Comic Book Festival, il mese scorso. Ci siamo seduti sull’erba io, Lorenzo Ghetti e Claudia Nùke Razzoli, e abbiamo chiacchierato di Millennials, di autoproduzione, di supereroi…

banner ghetti nuke - small.jpg

Se non sapete cosa sia Millennials recuperatevi subito la recensione del primo volume, la trovate qui. E poi recuperatevi subito anche l’albo che è fantastico. Lo potete ordinare qui. Detto questo non ci resta che tuffarci nella mischia. Buona lettura! Continua a leggere

ERCcOMICS, fumetti digitali e scienza

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. È il terzo venerdì del mese e questo significa… webcomic. Solo che questo giro facciamo le cose in grande e non parliamo di un titolo singolo, ma di un intero progetto. Quindi preparatevi, oggi si parla di ERCcOMICS.

logo.png

Partiamo dalle basi. ERC sta per European Research Council, un organo europeo che finanzia progetti scientifici di varia natura. Se avete una vaga idea di come (non) funziona il mondo della ricerca scientifica e il termine “grant” vi è familiare avete di certo capito di cosa si sta parlando. ERCcOMICS è un progetto che mette assieme 16 scienziati e altrettanti fumettisti per realizzare dei webcomics (sempre 16) su alcuni dei progetti finanziati con fondi ERC. Continua a leggere

Dailybaloon compie 300 articoli

Ragazzuoli, Dailybaloon compie 300 articoli. Questo pezzo (che prometto di tenere breve perché le smancerie vanno bene fino a un certo punto) è il trecentesimo articolo. Che detta così potrebbero sembrare bruscolini, ma non lo sono.

cropped-banner1.jpg

Ridendo e scherzando abbiamo buttato giù un mare di parole (mica tutte sul pezzo, per carità, ma tant’è). E niente. Ve lo volevo dire perché credo che sia un traguardino importante. E vi volevo ringraziare, che siate arrivati ieri o siate accampati qua dall’inizio dei tempi. Grazie per il supporto, per aver letto, per aver commentato.

Bene. Riga. Fine smanceria. Ci si vede nei prossimi giorni per un pezzo serio.

Lo spiegone: settembre 2016

Ragazzuoli, benvenuti allo spiegone. Un breve sommario di fine mese per raccogliere tutti nello stesso posto gli articoli pubblicati negli ultimi trenta giorni. Così non dovete temere di perdervi pezzi per strada.

Settembre è stato un mese super denso e abbiamo parlato di un sacco di cose. Quindi partiamo.

A settembre abbiamo recensito: SnowpiercerKilling and DyingMillennialsI pesci non hanno sentimentiEkhö La medusa.

Abbiamo poi introdotto due nuove collane speciali: Da terre lontane e (di nuovo) la rubrica sui webcomics. La prima guarda a fumetti non ancora tradotti in italiano, e questo mese è toccato a Monstress. Mentre per la seconda abbiamo chiacchierato di Headless Bliss.

E poi l’immancabile classifica delle anteprime, per quelli di voi che sono in cerca d’ispirazione per gli acquisti.

Direi che è tutto. Concludo con…

Fumetto del mese: Millennials.

Immagine figa del mese: la copertina del sesto volume di Ut da libreria.

Canzone del mese: Yesterday was hard on all of us, dei Fink.

utsandoval

Al prossimo spiegone!

Headless Bliss…

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati per una nuova recensione di… sorpresa sorpresa… un webcomic! Standing ovation.

Era il 5 aprile quando pubblicai la recensione di Phallaina, dicendo peraltro che avrei voluto trasformare la rubrica sui fumetti digitali in un appuntamento fisso. Non so mai tenere la bocca chiusa. Bè. Guardando com’è andata potete tirare voi le somme. Però nel frattempo ho accumulato un po’ di materiale super intrigante e la voglia non mi manca, quindi… riproviamoci. Il webcomic di questo mese si intitola Headless Bliss, lo potete trovare a questo indirizzo, ed è delizioso.

headless-bliss-1

Continua a leggere

Super saldi Bao. Qualche consiglio

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. È infine arrivato settembre con tutto il suo carico di incombenze troppo a lungo rimandate e soprattutto con tutto il suo carico di… sconti!

banner_sconto

Ormai i saldi post-estivi sul catalogo Bao Publishing sono praticamente una tradizione, un appuntamento fisso che si ripete di anno in anno. Quindi dovremmo esser pronti, con i soldi da parte e la wish list compilata. Ma è un po’ come quando alle superiori si diceva “l’anno prossimo studio giorno per giorno e faccio i compiti per bene così quando arriva la verifica sto tranquillo”. Certe cose non vanno mai come da buoni propositi.

Quindi per destreggiarvi tra le insidie di un catalogo vastissimo e validissimo (che ad avere un fondo fiduciario si potrebbe tranquillamente comprare tutto in blocco e passa la paura) ecco a voi qualche consiglio. Partiamo con titoli che ho letto e apprezzato e mi sento di segnalarvi e proseguiamo poi con qualche volume che non ho ancora e che vorrei, portafoglio permettendo, recuperare. Vi auguro di trovare, in questo breve excursus, quello che cercate. Continua a leggere

Ode alle tette

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Oggi parliamo di tette.

wondering emanon.jpg

Lo so che ora vi aspettate che dica una cosa del tipo “e ora che ho la vostra attenzione, invece, parleremo di una cosa pallosissima tipo diritto ecclesiastico del ‘600 o filologia latina, ho detto tette perché altrimenti non avreste mai aperto il post”. E invece no. Oggi parliamo proprio di tette, di culi, di peni, di sesso (ovviamente nei fumetti). Continua a leggere

Liebster Awards, ovvero la rivalsa dei “pesci piccoli”

b[off-topic] Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Ieri mi arriva una mail. Il mittente è Francesca, coautrice del blog I cantastorie, che mi invita a partecipare a questa cosa chiamata Liebster Awards. Funziona che vieni nominato, rispondi a delle domande, ne poni a tua volta e nomini qualcun altro.

liebsteraward-roses-tag.png

Non sono solito partecipare a “giochi a catena” di questo tipo ma… Credo che sia un’iniziativa interessante che permette ai pesci piccoli (passatemi il termine) di far gruppo e farsi conoscere tra loro (un po’ come il progetto Unity sul tubo), nonché un’inaspettata buona occasione per parlare di qualcosa che non siano (nel mio caso) fumetti ma esser comunque giustificati a farlo.

Quindi, se vi interessa vedermi tentare di rispondere a domande scomode per poi rifarmi con domande ancora più scomode sui prossimi malcapitati… Trovate tutto qua sotto, ma preparatevi a un wall of text clamoroso. Altrimenti, alla prossima! Continua a leggere

ARF. Un racconto dalla fiera del futuro

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Come forse saprete, lo scorso venerdì mi sono svegliato presto, ho preso un treno di quelli super veloci e mi sono lanciato verso Roma. Destinazione: ARF festival. È stata una giornata fantastica e volevo quindi proporvi questo breve report per farvi (spero) venir voglia di andarci l’anno prossimo. Perché, che ci crediate o no, occasioni tipo l’ARF sono il futuro delle fiere del fumetto. E mancarle è un gran peccato.

arf 2016

Continua a leggere

Anatomia di Tsutomu Nihei, creatore di architetture senza fine

Ragazzuoli, salve a tutti e bentornati. Questa (non) è una recensione. Non proprio, almeno.

Come saprete è da poco uscito il volume conclusivo di Knights of Sidonia, l’ultima fatica di Tsutomu Niehi. L’ho letto e, prima di rileggermi tutta la serie per intero e d’un fiato, volevo fermarmi un attimo e condividere con voi alcune riflessioni. Perché Nihei (nonostante i suoi innegabili alti e bassi) è un autore che in modo o nell’altro riesce sempre a non lasciarmi indifferente, a colpirmi in maniere che non mi aspetto. E Knights of Sidonia in particolare mi ha stupito fin da subito, presentandosi inizialmente in maniera molto diversa dalle sue sorelle maggiori, ma riuscendo a farmi innamorare di un certo tipo di atmosfere e di situazioni.

knights of sidonia

Per cui eccoci qua, a spendere giusto due parole su questa serie che ci ha tenuto compagnia negli ultimi quasi 5 anni. Non aspettatevi un commento esaustivo o approfondito. Quello lo rimandiamo ad un’altra sede: come dicevo in apertura, questa non è una recensione. Più un omaggio a un mangaka che ammiro molto e una riflessione sul suo lavoro. Continua a leggere